...

Le antiche civiltà mesoamericane come gli Olmechi, gli Aztechi e i Maya credevano che il cacao fosse un dono dei loro dei come medicina vegetale profonda, per curare il corpo fisico, emotivo e spirituale. Credevano che l'albero del cacao fosse stato preso da una montagna sacra dal dio serpente piumato Quetzalcoatl che lo donò alla gente e insegnò alle donne a preparare il cioccolato da bere, in modo che gli umani potessero sentire l'energia del loro cuore più profondamente. Tenevano in grande considerazione l'albero del cacao come il loro ponte tra cielo e terra.

Il cacao cresce in modo nativo dalla corda originale sulle terre sacre di queste antiche civiltà mesoamericane. Questo albero è conosciuto come "Theobroma Cacao Tree".  (che significa Theo=Dio Broma=Cibo). L'albero del Theobroma Cacao produce frutti, conosciuti come baccelli di cacao. All'interno di questi baccelli ci sono i semi e questi sono i veri chicchi di cacao. Questo albero è ancora oggi un albero sacro per la maggior parte delle popolazioni indigene delle antiche terre Maya.

I Maya consumano questo “Cibo degli Dei” da migliaia di anni macinando i semi di cacao e poi mescolandoli con acqua. Questo crea questa bevanda sacra (leggermente amara) di cui abbiamo parlato qui 100% pura caca di grado cerimoniale. A volte venivano aggiunte spezie per esaltarne il sapore o per potenziare altre proprietà curative a seconda dell'uso di questa bevanda sacra.

Questa bevanda sacra al cacao veniva poi condivisa nella comunità in ogni sorta di cerimonia e rituale. Credono profondamente nello spirito vegetale “Espiritu Cacao” (noto anche come cacao madre) per aiutare a guarire il corpo fisico, emotivo e spirituale. Credevano che bevendo questa bevanda sacra la conoscenza di alcuni dei loro dei Quetzalcoatl (Dio dell'apprendimento e del vento) sarebbe stata trasferita al fortunato che la beveva. Inoltre, alcuni dei semi speciali di cacao venivano donati dai preti al raggiungimento della maggiore età dei bambini. Nei matrimoni e nelle cerimonie di battesimo, il cacao cerimoniale veniva bevuto per aumentare la forza vitale dell'amore e veniva persino donato ai guerrieri prima che partissero per la guerra. Ma soprattutto il cacao cerimoniale veniva utilizzato quotidianamente dagli sciamani e dalle élite poiché si credeva che questa bevanda sacra fosse estremamente profonda e nutriente. Ancora oggi presso i Maya, alcune donne medicina lo usavano come aiuto contro i disturbi di stomaco o lo davano alle madri dopo il parto per un nutrimento extra.

Una cosa è certa: tutti amavano il cacao e lo adoravano molto per le sue proprietà nutrienti, che aprono il cuore e che inducono felicità.

Olmechi cacao

Thank you for reading my blog post in our Herbal Cacao Journal. 

Feel free to share this post with anyone who you might think can benefit from reading this.

Sharon Fernie (Founder of Herbal Cacao)

Con amore, 

Sharon Fernie, Fondatore del cacao alle erbe

it_ITIT